Articoli: Scienza

Frazione di secondo vista dal cervello

  Autore: n/a

  mercoledì 14 febbraio 2007 ore: 00:00:00 - letto [ 2859 ]

sparo[1].jpg,

Ricerca statunitense svela il mistero

Quanto dura una frazione di secondo? Difficile dirlo, soprattutto perché il nostro cervello non ha un cronometro interno per misurare i brevissimi intervalli di tempo ma si affida a continui confronti con le percezioni provenienti dal mondo esterno. Anche a rischio di “confondersi”. È in pratica questa la conclusione a cui è giunto Dean Buonomano, ricercatore dell’Università della California a Los Angeles (Usa) nel suo studio sulla percezione del tempo.

Scrivere, comprendere una persona che parla e camminare sono azioni che richiedono al cervello un continuo “cronometraggio” degli infinitesimali intervalli di tempo che le scandiscono. Per esempio, quando ascoltiamo qualcuno che parla è necessario, perché le parole siano distinguibili le une dalle altre, che il cervello calcoli gli impercettibili vuoti tra la fine di una parola e l’inizio di un’altra.

Fino ad ora si è sempre pensato che il cervello facesse affidamento a un orologio interno, costituito da cellule “segnatempo” in grado di produrre regolari impulsi elettrici. La tesi sostenuta dal ricercatore è diversa, e per dimostrarla ha sottoposto alcuni volontari all’ascolto di gruppi di tre suoni: il secondo e il terzo separati da pause di uguale durata, il primo a distanza variabile. Risultato: le pause fisse venivano percepite come variabili a causa dell’azione distraente della prima pausa. Secondo Buonomano ciò che permetteva ai soggetti di stimare (anche sbagliando) i brevissimi intervalli di tempo era la capacità del cervello di confrontare tra loro i tempi impiegati dagli impulsi nervosi prodotti dall’ascolto dei suoni per giungere a destinazione. In altre parole, nel contare il tempo il cervello si affiderebbe a stimoli esterni e non a un orologio interno.

La scoperta, secondo i ricercatori, è decisamente importante. Potrebbe infatti aprire la strada a nuove terapie per patologie neurologiche come la dislessia che, a quanto si sa, sembra essere legata all’incapacità del cervello di gestire queste frazioni di secondo, con conseguenti disturbi del linguaggio.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link


http://www.giornaletecnologico.it...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms