Articoli: Tecnologia

Pwg Cannone laser anti droni, le armi del prossimo futuro ordinate dai marines

  Autore: Paolo Virtuani

  sabato 6 settembre 2014 ore: 00:00:00 - letto [ 1593 ]

Cannone_laser_anti_droni.JPG,

Montato su un veicolo Humvee, sviluppa una potenza del raggio di almeno 25 kW in un sistema a guida d’onda grande come un righello da 30 centimetri.

Un contratto da 11 milioni di dollari (circa 8,3 milioni di euro). È la somma che sarà versata dai Marines alla Raytheon per lo sviluppo di Gbad (Ground Based Air Defense), un veicolo Humvee che monta un sistema laser di corto raggio contro i droni.

Raytheon ha reso noto che utilizzerà per la nuova arma il proprio sistema Pwg (Planar Waveguide) che sfrutta una potenza laser minima in uscita di 25 kW, e che ha la forma e le dimensioni di un righello trasparente di 30 centimetri.

Ideale per piattaforme mobili
Bill Hart, vice presidente di Raytheon Space Systems, ha detto che l’arma «genera una grande emissione di energia con un supporto piccolo e leggero, ideale per le piattaforme mobili» e inoltre possiede una tecnologia «modulare» che può essere incrementata per esigenze di energie maggiori.

Entro la fine dell’anno la società sperimenterà un prototipo da 10 kW, tappa chiave per arrivare nel 2016 a un’arma in grado di lanciare impulsi da 30 kW.

Test
I test dovranno verificare l’effettiva capacità del laser di effettuare l’intero processo di intercettazione: dalla scoperta del drone al tracciamento della traiettoria allo «sparo». Secondo gli ideatori il Pwg possiede un’energia sufficiente per danneggiare piccoli velivoli come i droni che, per i militari americani, saranno sempre più utilizzati negli scenari di guerra.

I laser della Marina
All’inizio dell’anno la Marina americana aveva annunciato che, dopo aver condotto diversi test nel 2013, avrebbe dispiegato il primo cannone laser LaWS nel corso del 2014 a bordo della nave Ponce, che agisce, di fatto, come base galleggiante nelle zone del Golfo Persico. LaWS servirà - e ha già dimostrato di essere in grado di farlo con successo - per abbattere droni e altre minacce «asimmetriche», come ad esempio piccoli motoscafi, o gruppi di piccole navi, che possono penetrare oltre gli armamenti ad ampio raggio.



 * Click sulla foto per ingrandirla


allegato,


Fonte

 








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms