Articoli: Strano ma vero

Paul Maier pubblica il contratto stipulato con la figlia quattordicenne, offre 200 dollari perché si tenga lontana da Facebook per cinque mesi

  Autore: CLAUDIO LEONARDI

  venerdì 8 febbraio 2013 ore: 00:00:00 - letto [ 1433 ]

contratto.jpg,

Adolescenti sempre in cerca di soldi, tenete d’occhio la storia di Rachel, e imparate. Negli Stati Uniti non è inusuale che i genitori offrano dollari in cambio di comportamenti, per esempio niente tatuaggi, niente alcolici, gonne meno corte e così via, ma un padre che offre 200 dollari perché la figlia si tenga lontana da Facebook fa comunque notizia.

Paul Maier, il genitore in questione, alto dirigente di una società del Massachussets, ha pubblicato sul suo blog il contratto stipulato con la figlia quattordicenne, e intorno al caso sta già nascendo un dibattito. I termini sono questi: Rachel vuole comprarsi delle cose, e così accetta il patto luciferino con il babbo, che però, da esperto uomo d’affari, si cautela. Cinque mesi senza social network, la prima rata da 50 dollari non arriverà nelle tasche della teenager prima del 26 aprile e il saldo non prima del 26 giugno. Il babbo potrà cambiare password all’account in modo da impedire accessi furtivi.

A quanti genitori italiani sarebbe venuto in mente di stipulare un contratto in piena regola, e poi di renderlo di pubblico dominio? A pochi, sintomo di una differenza culturale nel trattare la prole, ma soprattutto i soldi, che registra ancora una distanza oceanica.

Ma le sorprese non sono finite, perché come ha rivelato il padre al Daily Dot , primo sito a dare la notizia, l’idea non è partita da chi esercita la patria potestà, ma dalla figlia. Stando alle dichiarazioni di Maier, la ragazza vuole “guadagnare soldi e trova anche Facebook una distrazione e talvolta una perdita di tempo. Ha in programma di tornare indietro quando i 6 mesi saranno finiti...”.

Più di un sondaggio , negli ultimi tempi, ha segnalato sintomi di stanchezza nei confronti di Facebook, soprattutto nelle fila dei giovanissimi. Il caso Rachel, dunque, potrebbe ridursi a un episodio da situation comedy, oppure rivelare una silenziosa tendenza che potrà presto tradursi in numeri che abbiano una qualche entità sul social network più popolato del mondo.

Nel frattempo, non resta che seguire la scommessa tra padre e figlia, e attendere che il signor Maier pubblichi l’esito del suo esperimento educativo. Educativo? O dovremmo forse dire corruttivo?



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link

Fonte
http://www.lastampa.it/2013/02/08/t...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms