Articoli: Scienza

Una fascia di asteroidi circonda Vega, la seconda stella più luminosa dell'emisfero celeste boreale, è formata da due cinture una più interna e calda e una più esterna e fredda

  Autore: n/a

  martedì 22 gennaio 2013 ore: 00:00:00 - letto [ 2995 ]

Vega1.jpg,

Una fascia di asteroidi cinge Vega, la seconda stella più luminosa dell'emisfero celeste boreale. Questa fascia è formata da due cinture, una più interna e calda e una più esterna e fredda, che potrebbero essere tenute separate da pianeti nascosti. Lo indicano i dati raccolti grazie al telescopio spaziale Spitzer, della Nasa, e ad Herschel, l'osservatorio orbitante della Nasa e dell'Agenzia spaziale europea (Esa).

Come in un gioco di similitudini, gli astronomi hanno notato che la doppia struttura della fascia di Vega è molto simile a quanto recentemente scoperto attorno a Fomalhaut, la diciottesima stella più brillante visibile dalla Terra.
Questi due astri, del resto, presentano diverse somiglianze: entrambi sono grandi due volte il Sole e proiettano una luce molto più calda e dai colori freddi. Inoltre le due stelle, che hanno rispettivamente 600 e 400 milioni di anni, sono piuttosto vicine alla Terra, dalla quale distano circa 25 anni luce.

I telescopi Herschel e Spitzer hanno utilizzato gli infrarossi per studiare le loro cinture interne ed esterne, che ricordano da vicino la fascia di asteroidi e la cintura di Kuiper presenti nel nostro Sistema solare.
A differenza di queste ultime, però, le cinture di Vega e Fomalhaut contengono molti più materiali e detriti: ciò deriva dal fatto che le due stelle sono di gran lunga più giovani del Sole e che i loro sistemi sono nati da una nuvola di gas e polvere stellare molto più grande rispetto a quella da cui è nato il Sistema Solare.

Lo spazio che separa la cintura esterna da quella interna di Vega (e anche di Fomalhaut) corrisponde in proporzione alla distanza che c'è nel nostro Sistema solare tra la fascia di asteroidi e quella di Kuiper: la cintura esterna è 10 volte più distante dalla stella ospite rispetto alla cintura interna. Questa distanza, secondo gli esperti, potrebbe essere colmata dalla presenza di pianeti nascosti, simili a Giove o più piccoli, che potrebbero aver ripulito la zona dalla polvere stellare.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link

Fonte
http://www.ansa.it/scienza/notizie/...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms