Articoli: Natura

Il vento provoca il raffreddamento dell'Antartide

  Autore: n/a

  venerdì 15 dicembre 2006 ore: 00:00:00 - letto [ 5558 ]

vento[1].jpg,

La Terra diventa sempre più calda, ma l'Antartide si raffredda e gli scienziati non sanno spiegarsi perché.

Una teoria messa a punto da ricercatori americani suggerisce ora che la colpa sia dei venti che soffiano ad altissima quota e che formano, al sud come al nord del pianeta, due 'ciambelle' ventose capaci di influenzare il clima. La teoria potrebbe risolvere un mistero, il raffreddamento dell'Antartide, che fino ad ora è servito a molti esperti per sollevare dubbi sull'esistenza di un effettivo fenomeno di riscaldamento globale della Terra. Ma nello stesso tempo suggerisce che buona parte della responsabilità dell'innalzamento delle temperature sia da mettere in relazione ai venti stratosferici, e non quindi alle attività dell'uomo.

David Thompson, dell'università del Colorado e John Wallace, dell'Università di Washington, avevano già presentato lo scorso anno i risultati dei loro studi su quello che è stato chiamato 'l'anulare settentrionale', un corridoio nella stratosfera (lo strato più alto e rarefatto dell'atmosfera) nel quale scorrono fortissimi venti capaci di influenzare il clima nell'emisfero settentrionale.

Adesso Thompson e Wallace, lavorando con la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), l'agenzia federale americana che si occupa dei fenomeni meteorologici, sostengono di aver individuato un anulare anche nell'emisfero meridionale, che con l'effetto combinato dei venti stratosferici e del buco nell'ozono che si apre ogni anno per vari mesi sopra l'Antartide, sarebbe il responsabile delle temperature sempre più basse registrate dagli scienziati intorno al polo sud.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link


http://newton.corriere.it/PrimoPian...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms