Articoli: Tecnologia

Hapifork, dispostivo per evitare gli attacchi di fame che controlla il ritmo con cui mangiamo

  Autore: Mark Perna

  venerdì 11 gennaio 2013 ore: 00:00:00 - letto [ 2316 ]

Hapifork.jpg,

Era stato annunciato come uno dei trend di questo Consumer Electronics Show e così è stato. Il settore del fitness e del benessere punta ormai tutto sulla tecnologie offrendo dispositivi sempre più innovativi e ricchi di funzionalità per rendere la nostra vita migliore. Grazie a piccoli sensori tascabili ora è possibile controllare e monitorare ogni attimo della nostra giornata.


Il minuscolo Smart Activity Tracker di Withings, conteggia impietosamente ogni nostro movimento: dalle scale che facciamo ai passi che percorriamo, visualizzando il consumo calorico. Questo apparecchio bluetooth di appena 8 grammi, tiene traccia anche della qualità del sonno e del ritmo cardiaco.

Molti sono i prodotti simili mostrati a Las Vegas tra questo merita una menzione il braccialetto Fitbit Flex e il sistema Fitbug, pensato addirittura per migliorare lo stato di salute dei lavoratori spronandoli a fare più attività fisica. Un potere in più nelle mani del vostro capo.

E se lo stress da prestazione rischia di generare problemi, meglio dare un’occhiatina a pulsazioni e ossimetria usando il sensore Ispo2 di Masimo. Il prodotto che offre una misurazione professionale, funziona con iPhone e iPad.

Se le pulsazioni dovessero essere elevate a causa dell’ansia, potete allenare il vostro cervello usando il sensore Muse. Questo sistema di monitoraggio delle onde celebrali consente, attraverso una serie di specifici esercizi, di esercitare la nostra mente per evitare stati di agitazione o di sovraeccitamento. Funziona con dispositivi Android e iOS e verrà commercializzato entro l’estate a 175 dollari.

Una vera e propria stimolazione audiovisiva terapeutica può invece essere fatta con gli occhiali prodotti dall’americana Psio. E se lo stress non dovesse calare neppure con queste diavolerie tecnologiche, non rimane che farsi fare un bel massaggio. Mettersi sotto le mani esperte di un terapista sarebbe la soluzione ideale, ma se non fosse possibile allora potete affidarvi con fiducia ai leggeri e rilassanti movimenti di Whee Me. Questo robottino realizzato da DreamBots fa tutto da solo, basta accenderlo e posizionarlo sulla schiena. Grazie ai suoi sensori, analizza il nostro corpo e si muove su e giù senza cadere.

Si dice, a ragione, che siamo quello che mangiamo. Ma sappiamo davvero cosa stiamo mangiando? Non sempre, anzi quasi mai. Spesso allora puntiamo ad occhi chiusi sui cibi biologici, ma anche in questo caso non sempre si ha la certezza della qualità dichiarata. La soluzione ai nostri dubbi arriva oggi sul nostro iPhone grazie ai sensori messi a punto da Lapka. Questa start up californiana, ha infatti realizzato dei piccoli oggetti da collegare al cellulare che hanno lo scopo di misurare alcuni parametri invisibili che ci circondano: onde, radiazioni, campi elettromagnetici, umidità, nitrati. Il sensore “organic”, ad esempio, consente di verificare se la frutta e la verdura che stiamo mangiando è stata coltivata con o senza fertilizzanti sintetici. La confezione completa dei 4 sensori costa 220 dollari.

Non si sa ancora il prezzo invece della Hapifork, l’ultimo ritrovato per evitare gli attacchi di fame. A dire il vero questo dispositivo controlla il ritmo con cui mangiamo invitandoci a farlo lentamente. Più piano mangiamo, più facilmente digeriamo, meno ingrassiamo. Questo principio ora è stato scrupolosamente applicato integrando un sensore di movimento all’interno di una forchetta che si ricarica via Usb e che trasmette i dati via bluetooth ad una apposita app. Se mangiamo troppo velocemente un segnale luminoso ci avvisa e alla fine del pasto possiamo verificare i parametri direttamente sul cellulare o via web. Angosciante, ma geniale.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link

Fonte
http://www.corriere.it/tecnologia/p...








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms