Articoli: Scienza

Com'è fatta una fiamma? Perché una fiamma scotta? Il video, comprensibile anche per un ragazzino spiega anche parole come pirolisi, ossidazione, chemiluminescenza e incandescenza

  Autore: n/a

  martedì 26 giugno 2012 ore: 00:00:00 - letto [ 4061 ]

come_e_fatta_una_fiamma.JPG,

Che cos'è una fiamma? Perché ha colori diversi? È solida (ammesso che la si riesca a toccare) o è fatta di aria? Perché scotta?

Rispondere in modo semplice a queste domande non è facilissimo. Figuriamoci se dobbiamo farci capire da un ragazzo di 11 anni. Eppure non è impossibile.

Spiegare una fiamma a un ragazzino di undici anni. È questa la sfida lanciata dall'attore Alan Alda a inizio 2012: Alda è anche il fondatore del Center for Communicating Science della Stony Brook University, il cui scopo è insegnare agli scienziati a comunicare efficacemente con il pubblico. E si è inventato questa curiosa competizione per scienziati e giornalisti: provare a spiegare un concetto difficile in modo semplice. Come non era riuscito alla sua professoressa. Racconta Alda: «Avevo undici anni ed ero un ragazzino curioso. Per giorni avevo ragionato sulla fiamma di una candela e quando finalmente decisi di chiedere alla mia insegnante: - Cos'è una fiamma? - Lei mi rispose: ossidazione».

And the winner is...
Il vincitore, scelto da una giuria composta di soli undicenni, è questo video realizzato da Ben Ames, un dottorando in ottica quantistica, ed è un piccolo gioiello di semplicità e ironia, come potete vedere nella versione sottotitolata da Focus.it.

Perché una fiamma scotta?
Come mai è blu, gialla, arancione e rossa? Ames risponde in modo efficace spiegando concetti complessi come la pirolisi, l’ossidazione, la chemiluminescenza e l’incandescenza. Tutto questo in soli sette minuti. Per chi avesse meno tempo, ecco una spiegazione veloce.

La fiamma è una miscela luminosa di gas ad alta temperatura derivati dalla combustione di sostanze solide, liquide o gassose. La luce è dovuta a fenomeni di eccitazione degli elettroni, cioè le particelle più esterne degli atomi, che assorbono energia sotto forma di calore e la convertono in energia luminosa. Le particelle di sostanze solide, che sospese nella fiamma costituiscono dei punti di diffrazione della luce, amplificano il fenomeno. Nella fiamma ci sono una zona esterna poco luminosa e molto calda dove si ha combustione completa, una intermedia molto luminosa a combustione incompleta, e una interna dove non c’è combustione, ma trasporto di gas. La miscela che compone la fiamma è formata per lo più da sostanze molto reattive, i radicali liberi. La forma allungata della fiamma è dovuta alla tendenza dei gas caldi a salire verso l’alto. A mano a mano che si allontanano dal punto di combustione si raffreddano e la fiamma si assottiglia.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Youtube



Il video:








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms