Articoli: Tecnologia

AWARE2, ecco la macchina fotografica multiscalare da un GigaPixel ma potra arrivare a 50Gpixel, tra i finanziatori la DARPA

  Autore: n/a

  giovedì 21 giugno 2012 ore: 00:00:00 - letto [ 3726 ]

Macchina_fotografica_da_un_GigaPixel.JPG,

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha costruito un dispositivo in grado di catturare immagini con una risoluzione elevatissima: un gigapixel. Lo studio su Nature.

Dimenticatevi i megapixel: arriva la macchina fotografica che cattura immagini da un gigapixel (mille megapixel). L'hanno realizzata gli ingegneri della Duke University in collaborazione con i colleghi della University of Arizona, grazie anche al contributo dell'Agenzia statunitense della difesa, la Darpa. Il dispositivo è stato presentato sulle pagine di Nature.

La macchina realizzata dagli scienziati si chiama Aware-2, e anche se non è esattamente quel che si definirebbe una compatta (misura 75 x 75 x 50 centimetri) i ricercatori promettono che nell'arco di cinque anni le dimensioni potranno essere ridotte fino a realizzare un apparecchio portatile paragonabile a quelli oggi in commercio. La macchina, spiegano gli esperti è potenzialmente in grado di catturare istantanee fino a 50 gigapixel di risoluzione, e promette così di rivoluzionare il mondo della fotografia nei prossimi anni.

L'elevata risoluzione – pari circa a cinque volte quella della visione umana in 20/20 su un campo orizzontale di 120 gradi - è ottenuta grazie all'azione combinata di 98 diverse microfotocamere (ognuna con un sensore da 14 megapixel), come spiega David Brady della Duke University, a capo dello studio: “ Ciascuna delle microfotocamere cattura informazioni da una specifica area del campo visivo. Un processore quindi mette essenzialmente insieme tutte queste informazioni in una singola immagine altamente dettagliata. In molti casi, la fotocamera riesce a catturare immagini di cose che i fotografi non possono vedere ma che possono poi essere viste in seguito”.

Come un' immagine scattata dai ricercatori in una riserva naturale: l'analisi post ha permesso di mettere a fuoco, distintamente, cose invisibili all'occhio, come gruppi di cigni in volo.

Solo il 3% della fotocamera conta elementi ottici, il resto lo fanno l' elettronica e i processori necessari per assemblare tutte le informazioni (è il raffreddamento di tutte le diverse componenti a limitare, per ora, le dimensioni della fotocamera). Come spiega Michael Gehm dell' Arizona University, infatti, la strategia utilizzata per costruire la telecamera non è stata quella di aumentare il sistema di ottiche, quanto piuttosto quello di metter insieme un complesso array di elementi elettronici paralleli: “Una lente obiettivo condivisa raccoglie la luce e la indirizza verso le microfotocamere che la circondano, proprio come un rete di computer distribuisce 'pezzi' alle postazioni di lavoro individuali.

Ognuna riceve una visione diversa e lavora sulla sua piccola parte del problema. Abbiamo quindi fatto in modo che ci fosse qualche sovrapposizione in modo da non perdere nulla”, ha concluso lo scienziato.



 * Click sulla foto per ingrandirla


allegato, macchina_fotografica_digitale_da_un_gigapixel_prototipo.JPG


Ecco la macchina fotografica digitale che tra qualche anno avremo all'interno dei nostri smartphone

allegato, seattle_un_gigapixel_superfoto_mega_risoluzione.jpg


Immagine fortemente ridotta ripresa con la super fotocamera, notare i dettagli che riesce a catturare

allegato, aware2pic.jpg


immagine da AWARE-2

allegato, gigapixel-photography1.jpg


Altro esempio incredibile

allegato, fotoreporter.jpg


Ecco la compattina pronta per il viaggio

allegato, MAXLYONS_1_L.jpg


Ecco una foto da mettere nell'album di famiglia

allegato, gigapixel3_matrix.jpg


la matrice operativa di una parte dei sensori

allegato, AWARE2_EI-BT938_CAMERA_G_20120620133009.jpg


AWARE2 esempio di funzionamento

 

Link

Fonte
http://daily.wired.it/news/tech/201...

Link

L'articolo pubblicato su Nature
http://www.nature.com/nature/journa...








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms