Articoli: Tecnologia

legge Levi Prodi, il governo allunga le mani sul web

  Autore: n/a

  giovedì 25 ottobre 2007 ore: 00:00:00 - letto [ 3441 ]

keyboard.jpg,

Numerosi segni di preoccupazione sono arrivati da molti siti internet i cui contenuti potrebbero a breve venir minacciati dall'ombra delle tasse.

Il disegno di legge sull'editoria presentato il 3 agosto 2007 dal Governo, tra le varie cose stabilisce che diventa prodotto editoriale anche "la cosa" fatta senza scopo di lucro.

Significa che chiunque abbia un proprio sito si deve iscrivere al roc pagando l'immancabile bollo

Per le attività editoriali svolte su internet dai soggetti pubblici si considera responsabile colui che ha il compito di autorizzare la pubblicazione delle informazioni."

Gravissimo, tutti i possessori di un sito saranno responsabili per il commento lasciato da un lettore.

Il mio parere conta poco ma sembra che si voglia cominciare a spostare ai margini di una strada gli internauti per far largo ai maggiori veicoli di comunicazione che per ora scorrono al massimo sul digitale terrestre,
ma che a breve, visti gli sviluppi tecnologici, porterà le informazioni video in tempo reale verso gli utenti e questi ultimi potranno comunicare in diretta TV con una semplice webcam.

L'internet libera a tutti così come la conoscevamo sta subendo continue modifiche e controlli proprio perchè è libera nel pensiero, perche un personaggio come Grillo uscito dalla TV rientra nel grande pubblico con il suo blog che raccoglie ormai migliaia di visitatori al giorno spaventando i media.

difendiamo il nostro diritto di esistere.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link

firmiamo la petizione contro la legge Levi Prodi:
http://firmiamo.it/salviamointernet...

Link

Ulteriori info
http://www.civile.it/news/visual.ph...

Link

dal sito del governo
http://www.governo.it/Governo/Consi...

Link

Link di provenienza
http://firmiamo.it/salviamointernet...








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms