Articoli: Tecnologia

Ricercatori italo giapponesi progettano una super batteria di lunga durata

  Autore: Roberto Rossi

  mercoledì 21 marzo 2012 ore: 00:00:00 - letto [ 3988 ]

batterie.jpg,

Un team di ricercatori italo giapponesi sta mettendo a punto nuovi sfruttamenti delle nanotecnologie, utili per poter generare una nuova era nelle batterie, con dispositivi in grado di durare per tre mesi consecutivi.

La nuova generazione di dispositivi mobili, e non solo, sta facendo sorgere in maniera piuttosto evidente la necessità di poter disporre di batterie a lunga durata, che possano combinare le ristrette dimensioni a un peso contenuto e, soprattutto, a una resistenza nel tempo che possa permettere agli utilizzatori di cellulari & co un utilizzo approfondito e duraturo delle proprie apparecchiature digitali.

Ebbene, stando a quanto comunicato dal distretto tecnologico Nanotech (Veneto) e dai ricercatori della Shunshu Univeristy, avrebbe preso il via il percorso di studi e di ricerche che potrebbe presto portare al conseguimento di un obiettivo molto ambizioso: poter realizzare delle batterie in grado di durare addirittura 3 mesi.

Quanto già stato ribattezzato come “super batteria”, potrebbe costituire una vera e propria rivoluzione nel campo della tecnologia, visto e considerato che il principale motivo di insoddisfazione da parte degli utenti di dispositivi mobili non risiederebbe nel software o nei processori, né tanto meno nelle schede grafiche, bensì nella batteria. Batterie di varia natura e tipologia, che tuttavia sembrano essere contraddistinte da un’unica, grande, linea comune: la scarsa durata rispetto a quanto desiderato.

Eppure, se le ricerche portate avanti dal tema di osservatori italiani e giapponesi avrà finalmente un termine positivo, in futuro si potrà disporre delle super batterie intelligenti, che garantiranno un autonomia di almeno 90 giorni. Tre mesi per utilizzare il cellulare senza ricaricarlo, con potenziale utilizzo anche in auto o nelle cucine elettriche.

La possibilità sembra essere riconducibile a un più attento sfruttamento delle nanotecnologie, come ad esempio la tecnica del coating (rivestimenti nano strutturati): “Vogliamo unire la nostra expertise nel campo delle batterie con l’eccellenza della Veneto Nanotech nelle tecnologie di coating. Unendo le forze possiamo realizzare questo innovativo progetto, che prevede finanziamenti che saranno sia pubblici sia privati da entrambi i Paesi”.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link

Fonte
http://www.sanioggi.it/batterie-a-l...








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms