Articoli: Animali

Insetti mutanti o Frankenstein

  Autore: n/a

  sabato 23 luglio 2011 ore: 00:00:00 - letto [ 3414 ]

Coxoplectoptera.jpg,

VISSERO CIRCA 120 MILIONI DI ANNI FA NEL CRETACICO
Ali come le libellule, nervature come le efemere, zampe come le mantidi, larve che sembravano gamberetti

Le ali e i segmenti centrali come una libellula, nervature delle ali come un'efemera, le zampe anteriori come una mantide, la forma della larva sembra un gamberetto. Un miscuglio da lasciare stupefatti, quello che si sono trovati davanti tre esperti di insetti fossili quando hanno studiato i due esemplari adulti e la trentina di larve fossilizzate nel giacimento brasiliano di Crato e ora conservati nei musei di storia naturale di tutto il mondo, e riportato i loro studi in un numero speciale di Insect Systematics & Evolution. Insetti fossili - risalgono al Cretacico, circa 120 milioni di anni fa - così strani da obbligare alla creazione di un nuovo ordine, i Coxoplectoptera, ma chiamati familiarmente - e impropriamente - «insetti Frankenstein».

Un esemplare adulto EFEMERE - I Coxoplectoptera non hanno lasciato discendenti, i loro parenti più prossimi oggi sono le efemere, insetti che vivono sulla superficie di laghi e fiumi e con una fase adulta che dura poche ore o al massimo qualche giorno. Nel Cretacico durante la loro fase larvale, i Coxoplectoptera vivevano probabilmente semisepolti nel fango sottacqua e predavano insetti più piccoli. Tuttavia questi invertebrati possono fornire importanti informazioni su una fase cruciale dell'evoluzione degli insetti: l'origine delle ali. Finora gli studiosi dibattono su due ipotesi: le ali sarebbero derivate da espansioni dorso-laterali superiori degli ultimi due segmenti del torace oppure da appendici mobili simili alle zampe. I fossili rinvenuti in Brasile farebbero propendere verso la prima ipotesi, tuttavia queste proto-ali sembrano aver incorporato geni che codificavano per la crescita delle zampe.



 * Click sulla foto per ingrandirla


allegato, Coxoplectoptera_larvae.jpg


Coxoplectoptera

 

Link

Fonte
http://www.corriere.it/scienze_e_te...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms