Articoli: Sociale

Abolite l'elenco telefonico costa 5 milioni di alberi l'anno

  Autore: BENEDETTA PERILLI

  martedì 22 settembre 2009 ore: 00:00:00 - letto [ 3412 ]

este_10161718_54170[1].jpg,

Parte negli Usa la campagna contro il librone degli abbonati: "Le compagnie di distribuzione consegnino il volume cartaceo solo a chi ne fa richiesta, bisogna sfruttare internet e favorire l'edizione on line". Anche in Italia nascono i primi "abolizionisti"

Elenchi telefonici? No, grazie. A chiederlo è il popolo di internet che, tramite una protesta verde partita dagli Stati Uniti e approdata anche in Italia, invita le compagnie di distribuzione a lasciare agli utenti la possibilità di scegliere se ricevere o meno gli elenchi.

Contro una consegna a pioggia, che spesso non raggiunge chi ne ha davvero bisogno, ma arriva nelle case di chi quegli enormi volumi non li scarterà neanche; contro i costi di produzione e consegna; contro soprattutto lo spreco di carta, acqua e carburante, il movimento chiede la soluzione "opt-in". Ovvero lasciare all'utente la libertà di stabilire, a seconda dei casi, se il servizio sia più o meno utile.

Verrebbero così garantite le necessità dei milioni di consumatori che ancora non usufruiscono del servizio di elenco telefonico online e che continuerebbero a ricevere l'elenco cartaceo, e contemporaneamente verrebbe soddisfatta anche la richiesta di chi lo consulta on line ormai da anni.

Quand'è l'ultima volta che ne avete consultato uno? Se avete bisogno di un numero di telefono cosa fate per procurarvelo? Per molti la risposta sarà internet. Ecco quindi che dagli Stati Uniti parte la campagna "Ban the Phone Book", ovvero "Aboliamo l'elenco". Prima con l'apertura di un sito (http://www. banthephonebook. org) e poi con un sondaggio. Per l'81% dei consumatori intervistati quella dell'opt-in è una soluzione giusta.

Soprattutto a fronte dei dati diffusi dal sito: sarebbero 5 milioni gli alberi utilizzati ogni anno per la realizzazione delle "pagine bianche" americane e le operazioni di riciclo costerebbero ai contribuenti oltre 17 milioni di dollari annui. Inoltre il 75% degli intervistati dichiara di non essere a conoscenza dell'impatto ambientale ed economico delle operazioni di stampa, recapito e riciclaggio dei volumi.

In Italia le voci di protesta sono ancora poche e soprattutto meno organizzate. Un giro rapido della rete consente di scoprire che nel 2008 è stata lanciata una petizione online rivolta al ministero delle Comunicazioni che ha reclutato appena 34 firmatari. "Perché, a partire dal prossimo anno, non si trova il modo di chiedere chi vuole, e chi no, ricevere questi elenchi, riducendo così lo spreco di risorse?". Questo il testo della petizione.

Più seguito è sicuramente il gruppo di Facebook "Eliminiano gli elenchi cartacei per chi ha internet" dove, intorno al fondatore Stefano Belardini, si sono riuniti un centinaio di interessati. "Sono un avvocato ma con degli amici ho fondato una onlus per la costruzione di pozzi di acqua potabile nei villaggi del Mali - spiega Stefano - Per questo sono molto sensibile al tema dell'acqua e in generale a quello dell'ambiente. Basti pensare che per fare un chilo di carta ci vogliono 500 litri di acqua e due chili di legname. E' assurdo che chi ha internet a casa o negli uffici si debba ancora vedere consegnare chili e chili di carta. Vorrei che almeno le persone possano su propria iniziativa dichiarare di non voler ricevere il cartaceo".

Sui reali numeri di produzione e distribuzione degli elenchi in Italia è proprio la Seat Pagine Gialle, in qualità di editore di PagineBianche e PagineGialle, a fornire i dati aggiornati. Ogni anno vengono distribuite alle famiglie italiane 27,7 milioni di copie del volume PagineBianche e 22,5 del volume Pagine Gialle, utilizzando un totale di 45mila tonnellate di carta. Si tratta di carta speciale per elenchi, acquistata per il 45% in Finlandia, il 45% in Svezia e il 10% in Canada. Sul totale il 30% è carta riciclata e il 70% proviene da foreste oggetto di piani di riforestazione. Dagli anni '70 è inoltre attivo un servizio di ritiro sul territorio italiano degli elenchi distribuiti nell'anno precedente.

A fronte dei milioni di volumi che Seat dichiara di distribuire ci sono però, secondo i dati GfK Eurisko dell'ultimo trimestre forniti sempre da Seat, 23,9 milioni di consultatori. Quanto basta per far pensare che gli italiani che utilizzano gli elenchi cartacei sono un numero inferiore rispetto alle copie distribuite e che probabilmente questi italiani preferiscono la versione online o altri servizi. Per loro, magari non proprio per tutti ma sicuramente per chi ha a cuore la questione ambientale e il risparmio energetico, arriva il consiglio degli avvocati del Codacons. Prima di avviare una petizione è consigliabile aprire un sito internet dedicato, dal quale far partire un sondaggio sull'ipotesi della distribuzione "opt-in". Servirà come cartina al tornasole e come punto di raccolta per gli interessati.



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Link


http://www.repubblica.it/2009/09/se...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms