Articoli: Tecnologia

Arriva l'auto senza guidatore, si guida da sola.

  Autore: n/a

  mercoledì 6 ottobre 2010 ore: 00:00:00 - letto [ 4717 ]

auto_senza_pilota.jpg,

C’è stato un tamponamento, sono saliti a bordo due autostoppisti, un poliziotto voleva perfino fare una multa. Storie normali per un’auto tradizionale, che diventano straordinarie considerando che i mezzi in questione stanno circolando senza guidatore. Partiti da Parma il 26 luglio e diretti a Shanghai, i veicoli senza pilota pensati dal VisLab dell’Università di Parma hanno raggiunto la Siberia dopo aver percorso più di 6.000 chilometri e attraversato città come Belgrado, Budapest, Kiev, Rostov, Mosca, Kazan, Chelyabinsk, Ekaterinburg e Omsk, dove sono stati presentati a diversi cittadini.

In questa parte del tragitto, il viaggio è circa a metà strada, i veicoli hanno incontrato i primi fiocchi di neve, hanno resistito alle inusuali alte temperature della Russia dello scorso agosto, sono passati indenni tra le strade trafficate di città come Mosca.
Un viaggio lunghissimo che ha fatto vivere ai veicoli senza conducente esperienze uniche. Forse stanche, le “macchine del futuro” si sono anche concesse una distrazione. Sulla strada per Karkov, in Ucraina, due veicoli si sono tamponati, fortunatamente senza causare danni ai sensori. Niente di grave, nessun ferito e soprattutto nessuna lite tra i conducenti.

Nuovissima anche l’esperienza vissuta da due autostoppisti russi, che a Mosca sono stati caricati da un’auto senza guidatore. Così come è rimasto a bocca aperta un poliziotto di Ekaterinburg, sempre in Russia, che avrebbe voluto dare una multa ai veicoli per guida in zona pedonale ma non ha trovato alcun conducente a cui indirizzare la contravvenzione.

Ora mancano ancora più di 6000 chilometri all’arrivo a Shanghai, previsto per il 28 ottobre. La spedizione, dopo aver toccato Novosibirsk nella Russia più remota attraverserà il Kazakistan ed entrerà in Cina all’inizio di ottobre per poi attraversarla completamente da ovest ad est, fino all’Expo di Shanghai. Altri seimila chilometri in cui, c’è da giurarlo, le auto senza conducente “vivranno” nuove e curiose esperienze.



Aggiornamento del 11.10.2010Anche Google progetta un auto che si guida da sola
Video-camera, sensori radar e navigatori per prevenire incidenti, sembra fantascienza.

E' il desiderio di tantissimi automobilisti: salire a bordo di una macchina che si guida da sola. Ora pero', grazie a Google, questo che sembrava un sogno da film di fantascienza e' diventato realta'. Anche stavolta la tecnologia e' riuscita a realizzare le suggestioni di scrittori e cineasti visionari. In particolare, a immaginare una macchina di questo tipo, era stato prima Stephen King, poi John Carpenter che ha tradotto nel grande schermo la sua idea. Il film, come il romanzo, del 1983, si chiamava, ''Christine, la macchina infernale''. Racconta proprio le vicende di un'auto che, come un essere vivente, si muove e agisce in modo autonomo. Ancora senza nome, questa 'self driving cars', ha gia' percorso almeno 140mila miglia su strade pubbliche, nello Stato della California, evitando ogni ostacolo grazie a un sistema integrato formato da potenti videocamere, sensori radar e navigatori in grado di controllare costantemente il percorso della vettura.

Tutti ovviamente coordinati da un computer a bordo. Secondo il New York Times, l'automobilista, o sarebbe meglio parlare di passeggero, si siede normalmente al suo posto ed e' comunque in grado di prendere il controllo della manovra in ogni momento. Per il blog del famoso motore di ricerca, il dipartimento della Motorizzazione della California ha gia' autorizzato la circolazione di queste auto, a patto che non circolino da sole. La stessa Google ha informato la polizia del 'Golden State' sulla loro invenzione, assicurando sempre la presenza di una persona a bordo, in grado di correggere ogni eventuale difetto. Dall'esterno, questa 'Google car', appare come una normale Toyota Prius, che ha sul tetto uno strano cilindro. Negli ultimi mesi in cui ha girato segretamente, scrive il Nyt, non avrebbe avuto bisogno di nessuna riparazione da parte dell'uomo, se non di un controllo preventivo sul funzionamento del software. Alcuni esperti ritengono che possa rappresentare una rivoluzione dello spostamento umano, paragonabile all'avvento di Internet.

Durante la fase di sperimentazione, l'unico problema e' stato causato dal tamponamento da parte di un altro automobilista a un semaforo. E contro chi non sa guidare, purtroppo, ancora non c'e' tecnologia che tenga. Il progetto e stato sviluppato da Sebastian Thrun, 43 anni, direttore del Stanford Artificial Intelligence Laboratory, ingegnere della Google e co-invetore del famosissimo programma Street View. Secondo le stime piu' ottimistiche ci vorranno almeno altri otto anni per mettere a punto questo tipo di vettura al livello commerciale. In questo modo si potrebbe fortemente ridurre l'incidenza della mortalita' nelle strade, che solo negli Usa provoca 37 mila vittime l'anno. Nel frattempo, le leggi della strada dovranno necessariamente adattarsi alle nuove prospettive. Il problema maggiore riguarda il settore assicurativo e legale. Se qualcosa va storto e il computer non ferma la macchina di fronte a un pedone, chi sara' il responsabile? L'uomo che si trova a bordo o chi ha ideato il software difettoso?



 * Click sulla foto per ingrandirla


allegato, italy-china-cover.jpg


Tragitto dall'Italia alla Cina

allegato, self_drive_car.jpg


L'auto di GOOGLE

vedi l'aggiornamento

 

Link

Fonte
http://stradafacendo.tgcom.it/wpmu/...

Link

sito della casa costruttrice
http://vislab.it/...

Link

Il video della macchina progettata da GOOGLE
http://www.ansa.it/web/notizie/vide...

Youtube



il video dimostrativo della BRAIVE questo il nome del protopipo: BRAiVE, l'auto a guida autonoma

Youtube



:








 

® Copyright 2005 - 2018 - SITO MBGraphicsFilms