Articoli: Animali

Agli italiani non piace la caccia Sette su Dieci sono contrari

  Autore: ANTONIO CIANCIULLO

  mercoledì 6 ottobre 2010 ore: 00:00:00 - letto [ 4163 ]

cacciatori.jpg,

Lo studio di Ipsos per conto di Enpa, Lav, Legambiente, Lipu e Wwf: i tentativi di deregulation hanno radicalizzato il partito anti-doppiette

SETTE italiani su dieci sono fortemente contrari alla caccia, due non prendono una posizione decisa, uno è a favore. Non è una gran percentuale per il partito delle doppiette che sta cercando di allargare ulteriormente i confini della stagione venatoria. Ma le quotazioni dei cacciatori potrebbero ulteriormente peggiorare: basta seguire i consigli di chi spinge verso la caccia no limits.

Lo scenario degli umori legati alle proposte di deregulation venatoria è ben descritto dall'indagine condotta, nelle 13 regioni al voto, da Ipsos per conto di Enpa, Lav, Legambiente, Lipu e Wwf. Il sondaggio, che ha coinvolto un campione di 980 persone, parte da una domanda riferita alla norma che fa saltare una data di inizio e di fine della stagione venatoria uguale per tutti aprendo le porte alle deroghe: "Il testo di legge approvato al Senato, dovrà ora essere discusso alla Camera dei deputati. Secondo lei cosa dovrebbe fare il Parlamento?" Due italiani su tre rispondono dicendo che a questo punto bisogna varare un testo più restrittivo rispetto a quello originario e vietare la caccia agli uccelli migratori (37 per cento), o almeno ridurre il periodo di caccia (30 per cento). Il 14 per cento chiede di tornare alla legge quadro che la controriforma vuole far saltare. Il 9 per cento si astiene dal giudizio. Solo il 10 per cento si dichiara a favore della legge così come è stata approvata dal Senato, cioè del testo che inizia il percorso di deregulation.

L'effetto dell'affondo del partito della caccia no limits è stato dunque radicalizzare la larga maggioranza anti-caccia e convincere la metà degli indecisi a schierarsi contro la liberalizzazione.

Passiamo al giudizio sulle altre innovazioni proposte da varie leggi approdate in Parlamento. L'87 per cento degli intervistati si dichiara contrario a ridurre le sanzioni per chi uccide specie protette. Il 92 per cento ritiene sbagliato autorizzare la caccia nei parchi. Il 93 per cento non vuole che si possa sparare a specie attualmente protette. Al contrario l'86 per cento chiede di aumentare la distanza di sicurezza tra i cacciatori e le case e i sentieri battuti dagli escursionisti, l'80 per cento trova giusto che i cacciatori chiedano il permesso prima di entrare in un terreno privato (oggi non è così) e il 78 per cento invoca una tregua la domenica e i festivi, quando le campagne e i boschi sono più affollati del solito.

Interessante è anche il rapporto tra queste scelte e l'orientamento politico. Quasi tutte le proposte di deregulation in discussione sono partite dal centrodestra ma il 66 per cento degli elettori del Pdl e della Lega è contrario o fortemente contrario a nuove regole a favore della caccia e solo l'11 per cento si dichiara d'accordo o totalmente d'accordo.

"Questi numeri dimostrano che la linea oltranzista perseguita dal centrodestra è un boomerang", osserva il senatore del Pd Roberto Della Seta. "Arrivare alla mortificazione della maggioranza anticaccia ed esasperare il contenzioso con Bruxelles sulle deroghe venatorie vuol dire far crescere le tensioni nel paese rischiando pesanti sanzioni comunitarie".



 * Click sulla foto per ingrandirla


 

Documento

FILE:
Leggi il sondaggio sulla caccia del 2010 in PDF: -

Link

Fonte
http://www.repubblica.it/cronaca/20...








 

® Copyright 2005 - 2019 - SITO MBGraphicsFilms